ATTENZIONE!!!
Per un corretto utilizzo del sito è necessario attivare gli script nel browser in uso.

Leggi qui le istruzioni su come fare.
S.I.A. Servizi Informatici Antelmi S.r.l.
Seguici su  Facebook SIA srl Twitter SIA srl
Info Colf  Approfondimenti

Come calcolare il TFR

1. Determinare la retribuzione corrisposta durante l’anno, utile ai fini dell’accantonamento del TFR:

Sommare tutti gli elementi corrisposti durante l’anno in maniera costante:

- Paga base

- Eventuale superminimo

- Eventuali scatti di anzianità

- Indennità sostitutiva di vitto e alloggio (in caso di lavoratori conviventi)

- Altro (es. “Premio”)

Tredicesima mensilità

I mesi da considerare sono quelli di effettivo servizio, compreso l’eventuale periodo di prova, ed i periodi di assenza per ferie, malattia, infortuniomaternità o congedo matrimoniale.

In caso di  frazioni di anno, bisogna computare come mese intero solo le frazioni di mese uguali o superiori a quindici giorni.

2. Determinare la quota annua da accantonare:

Dividere la somma ottenuta al punto 1 per 13,5.

3. Rivalutare l’accantonamento degli anni precedenti

A partire dal 2° anno di lavoro, le quote di TFR accantonate al 31 dicembre dell'anno precedente, devono essere rivalutate secondo la somma dei due seguenti coefficienti:

a. coefficiente annuale fisso: pari al 1,5% su base annua

Se la quota annuale da rivalutare ha avuto durata inferiore all'anno, il tasso fisso dell'1,5% va frazionato in dodicesimi di anno (pari allo 0,125% per ogni mese) e moltiplicato per il numero di mesi lavorati nell’anno.

 

b. coefficiente variabile: pari al 75% dell’aumento del costo della vita accertato dall’ISTAT:

= [(Indice Istat Dicembre - Indice Istat Dicembre anno precedente) / Indice Istat Dicembre anno precedente] X 75%

La somma del TFR accantonato e rivalutato, più l’accantonamento del TFR dell’anno in corso, dovrà essere rivalutata l'anno successivo, secondo i tassi Istat in vigore, e così via, rivalutando il complessivo delle somme di anno in anno.

4. TFR Totale:

Il TFR da versare al lavoratore, sarà quindi pari alla somma:

- dell’accantonamento relativo all’ultimo anno di lavoro, fino al momento della cassazione del rapporto di lavoro o del mese in cui si interrompe il rapporto.

- e dell’accantonamento complessivo, relativo agli anni precedenti, rivalutato fino al mese di cessazione del rapporto di lavoro.

Procedura di calcolo in vigore dal 01/01/1990