ATTENZIONE!!!
Per un corretto utilizzo del sito è necessario attivare gli script nel browser in uso.

Leggi qui le istruzioni su come fare.
S.I.A. Servizi Informatici Antelmi S.r.l.
Seguici su  Facebook SIA srl Twitter SIA srl
Info Colf  Approfondimenti

I redditi del lavoratore domestico
esclusi dall’imponibile IRPEF

- le somministrazioni di vitto da parte del datore di lavoro fino all'importo complessivo giornaliero indicato dall’art. 51, comma 2, D.P.R. n. 917/1986;

- l’ alloggio garantito come prestazione in natura, inteso come cd. posto letto (sarà diverso il caso in cui al lavoratore venga invece assegnato un immobile).

- i rimborsi analitici delle spese di viaggio (anche sotto forma di indennità chilometrica), e di trasporto se rimborsate sulla base di idonea documentazione

- le indennità percepite per le trasferte o le missioni fuori del territorio comunale, nei limiti indicati dall’art. 51, comma 5, D.P.R. n. 917/1986.

- per le trasferte nell'ambito comunale, i rimborsi di spese di trasporto comprovate da idonea documentazione;

- le indennità e le maggiorazioni di retribuzione spettanti ai lavoratori tenuti per contratto all'espletamento delle attività lavorative in luoghi sempre variabili e diversi, anche se corrisposte con carattere di continuità, nella misura del 50% del loro ammontare;

- le indennità di trasferimento, di prima sistemazione e equipollenti, nei limiti indicati dall’art. 51, comma 7, D.P.R. n. 917/1986;

- le spese di viaggio, di trasporto e di recesso dal contratto di locazione sostenute dal dipendente in occasione dell'avvenuto trasferimento della sede di lavoro, se rimborsate dal datore di lavoro e analiticamente documentate;

- gli assegni familiari e l'assegno per il nucleo familiare, gli emolumenti per carichi di famiglia comunque denominati, erogati nei casi consentiti dalla legge.

- le somme che non costituiscono un arricchimento per il lavoratore (es.: indennizzi ricevuti a titolo di reintegrazione patrimoniale);

- le erogazioni effettuate per un esclusivo interesse del datore di lavoro (es.: polizze assicurative per responsabilità civile).

- i compensi e le indennità che il lavoratore percepisce da terzi e che per clausola contrattuale devono essere riversati al datore di lavoro o che per legge devono essere riversati allo Stato;

- le indennità, i gettoni di presenza e gli altri compensi corrisposti dallo Stato, dalle regioni, dalle province e dai comuni per l'esercizio di pubbliche funzioni, nonché i compensi corrisposti ai membri delle commissioni tributarie, ai giudici di pace e agli esperti del Tribunale di sorveglianza che per legge debbono essere riversati allo Stato;

- i contributi previdenziali ed assistenziali versati in ottemperanza a disposizioni di legge (es.: contributi INPS);

- i contributi per assistenza sanitaria versati a Enti o casse aventi esclusivamente fine assistenziale  in conformità a disposizioni di contratto (es.: contributi Cassa Colf), per un importo complessivamente non superiore a quanto indicato dall’art. 51, comma 2, D.P.R. n. 917/1986.

- i contributi versati dai lavoratori, eccedenti l'importo del massimale annuo della base contributiva e pensionabile destinata al finanziamento delle forme pensionistiche complementari.