ATTENZIONE!!!
Per un corretto utilizzo del sito è necessario attivare gli script nel browser in uso.

Leggi qui le istruzioni su come fare.
S.I.A. Servizi Informatici Antelmi S.r.l.
Seguici su  Facebook SIA srl Google+ SIA srl Twitter SIA srl


I documenti per l'assunzione
Tipologie di assunzione
La predisposizione del contratto di lavoro
L'obbligo assicurativo e la comunicazione di assunzione
La busta paga
L'organizzazione della prestazione lavorativa
Il lavoro straordinario
La tredicesima
Le festività
Le ferie e i permessi
Trasferimento e trasferta
Le assenze
Variazione condizioni contrattuali e obbligo di comunicazione
Come calcolare i contributi
Come pagare i contributi
Scadenze contributive
Sanzioni per omesso versamento
L'estratto contributivo
Obblighi fiscali del datore di lavoro: IL CUD
Obblighi fiscali del lavoratore: LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI
Calcolo e pagamento delle tasse
Agevolazioni fiscali per il datore di lavoro
Cos'è la cassacolf
Le prestazioni
Come versare i contributi alla cassa
Cause di risoluzione del rapporto
Adempimenti in caso di risoluzione del rapporto
Il preavviso
Il trattamento di fine rapporto

Agevolazioni fiscali per il datore di lavoro

Il datore di lavoro dei collaboratori domestici ha diritto ad usufruire di agevolazioni fiscali se versa regolarmente i contributi INPS e/o sostiene spese per assistenza a persone non autosufficienti.

I due tipi di benefici fiscali possono sommarsi.

 

Deduzione fiscale dei contributi versati

Detrazione fiscale delle spese per assistenza a persone non autosufficienti

Deduzione fiscale dei contributi versati

I datori di lavoro possono portare in deduzione dal proprio reddito, i contributi  versati per Colf e Badanti, risultanti dalle ricevute dei bollettini Inps.

Si considera solo la quota di contributi a carico del datore di lavoro e non anche quella a carico di Colf e Badanti.

L’importo massimo annuo deducibile è di Euro 1.549,37 .

Detrazione fiscale delle spese per assistenza a persone non autosufficienti

Il soggetto non autosufficiente, o i familiari che ne sostengono la spesa, possono detrarre dall’imposta lorda il 19% delle spese sostenute per gli addetti all’assistenza.

La detrazione spetta solo se il reddito complessivo non supera € 40.000,00.

L’importo massimo detraibile è di € 2.100,00.