ATTENZIONE!!!
Per un corretto utilizzo del sito è necessario attivare gli script nel browser in uso.

Leggi qui le istruzioni su come fare.
S.I.A. Servizi Informatici Antelmi S.r.l.
Seguici su  Facebook SIA srl Google+ SIA srl Twitter SIA srl


I documenti per l'assunzione
Tipologie di assunzione
La predisposizione del contratto di lavoro
L'obbligo assicurativo e la comunicazione di assunzione
La busta paga
L'organizzazione della prestazione lavorativa
Il lavoro straordinario
La tredicesima
Le festività
Le ferie e i permessi
Trasferimento e trasferta
Le assenze
Variazione condizioni contrattuali e obbligo di comunicazione
Come calcolare i contributi
Come pagare i contributi
Scadenze contributive
Sanzioni per omesso versamento
L'estratto contributivo
Obblighi fiscali del datore di lavoro: IL CUD
Obblighi fiscali del lavoratore: LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI
Calcolo e pagamento delle tasse
Agevolazioni fiscali per il datore di lavoro
Cos'è la cassacolf
Le prestazioni
Come versare i contributi alla cassa
Cause di risoluzione del rapporto
Adempimenti in caso di risoluzione del rapporto
Il preavviso
Il trattamento di fine rapporto

Obblighi fiscali del lavoratore: la dichiarazione dei redditi

Cos’è

Chi deve presentare la dichiarazione dei redditi

Perché fare la dichiarazione dei redditi

Quando

Cosa serve

Dove presentarla

Sanzioni

Cos’è

La dichiarazione dei redditi è il documento contabile con cui il cittadino comunica al fisco quanto ha guadagnato.

Colf e badanti effettuano la dichiarazione dei redditi presentando il “Modello Unico”.

Chi

Colf e badanti - sia di nazionalità italiana che estera - hanno l'obbligo di dichiarare i redditi conseguiti.

Non c’è l’obbligo di presentare la dichiarazione solo se quanto si è guadagnato nell’anno di riferimento non  supera la soglia limite stabilita (una volta applicate le detrazioni).

Perché

La dichiarazione dei redditi serve al dipendente per determinare e versare le tasse dovute (IRPEF).

Quando

Il Modello Unico per la dichiarazione dei redditi deve essere compilato fra i mesi di maggio e giugno, una volta ricevuto il CUD dal datore di lavoro.

Cosa serve

Ecco la documentazione necessaria alla compilazione della dichiarazione dei redditi:

- CUD (certificazione rilasciata dal datore di lavoro attestante somme erogate e i contributi versati l’anno precedente).

- codice fiscale del lavoratore o lavoratrice, e di eventuale coniuge e figli a carico.

- Documentazione delle eventuali spese deducibili o detraibili (es.: spese mediche, interessi su mutui, premi assicurazioni vita e auto,  tasse scolastiche e/o universitarie, spese funebri, spese per attività sportive per ragazzi.. )

- Per Colf e badanti extra-comunitari occorre essere in possesso dello stato di famiglia se i figli sono residenti in Italia, oppure di equivalente documentazione rilasciata dal paese di origine, tradotta in italiano ed asseverata come conforme all’originale dal consolato italiano presente nel Paese di origine.

Dove

La trasmissione della dichiarazione può essere effettuata:

- Presso Centri di Assistenza Fiscale - CAF,  commercialisti, associazioni di categoria (intermediari abilitati): forniscono anche assistenza per la compilazione e l’invio telematico della dichiarazione.

- Presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate: forniscono anche assistenza per la compilazione e l’invio telematico della dichiarazione.

- Direttamente, tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.

Sanzioni

Se non si presenta la dichiarazione dei redditi, avendone l’obbligo, Colf e Badanti, incorrono in un illecito amministrativo, sanzionato come segue (art. 1 comma 1 dlgs 471/1997):

- omessa presentazione della dichiarazione qualora siano dovute imposte: dal 120% al 240% dell'imposta dovuta, con un minimo di euro 258,00;

- omessa presentazione della dichiarazione qualora non siano dovute imposte: 258,00 minimo - 1032,00 massimo;

- presentazione dichiarazione con ritardo superiore a 90 giorni: le stesse sanzioni previste per l'omessa dichiarazione;

- presentazione dichiarazione con ritardo non superiore a 90 gorni: 1/10 del minimo (1/10 di euro 258,00)

 

Rilasciato dal comune di residenza